La spirale negativa degli scooter elettrici condivisi in Europa

La spirale negativa degli scooter elettrici condivisi in Europa

In soli tre anni, lo scooter elettrico condiviso ha vissuto alti e bassi in Europa, passando da una grande popolarità a porte chiuse.

Nel 2018, gli scooter elettrici condivisi all'estero hanno iniziato ad aumentare, e molti produttori hanno seguito l'onda del mercato e si sono uniti alla pista degli scooter elettrici condivisi, e la scala del mercato della condivisione, principalmente in Europa, è cresciuta rapidamente.

Anche l'Italia è stata rapidamente investita dall'onda della mobilità condivisa, con 40.000 scooter elettrici condivisi sulle strade italiane entro il 2021, che ne fanno il secondo mercato europeo per gli scooter elettrici condivisi. Esplora il I migliori scooter elettrici per principianti.

Tuttavia, con l'espansione del mercato e l'intensificarsi della concorrenza, le carenze del settore vengono gradualmente messe a nudo.

Bird Global, l'azienda un tempo molto apprezzata come leader nel settore della condivisione di scooter elettrici, ha chiesto la protezione dalla bancarotta lo scorso 20 dicembre a causa di difficoltà finanziarie dovute alla mancanza di fondi;

I frequenti incidenti di sicurezza hanno anche reso i consumatori scettici sulla sicurezza di questi prodotti e Parigi ha persino vietato la condivisione diretta di scooter elettrici.

Esistono ancora diverse società di sharing, ma sono ben lontane dalla vivace scena di un tempo, e di recente la principale società di sharing italiana, Bit Mobility, ha annunciato di voler dimezzare il numero di e-scooter condivisi entro la fine di marzo.

Indice dei contenuti
    Aggiungere un'intestazione per iniziare a generare l'indice.
    sddefault
    Pulsante YouTube

    Diminuzione del numero di persone che utilizzano gli e-scooters

    Secondo un recente rapporto dell'Amat (Agenzia per la mobilità, l'ambiente e il territorio), nel gennaio 2024 il numero di persone che utilizzano lo scooter è diminuito di 30.98%.

    Solo nel 2023, il parcheggio indiscriminato di scooter condivisi e di biciclette elettriche nel capoluogo piemontese ha comportato fino a 1.140 multe e 2.847 sanzioni.

    La spirale negativa degli scooter elettrici condivisi in Europa 1

    Secondo i dati Aci-Istat del 2022, in Italia si sono verificati 2.929 incidenti che hanno coinvolto gli e-scooter in un solo anno, con 16 morti, raggiungendo un aumento di 78% nel 2021.

    Le preoccupazioni per la sicurezza hanno fatto sì che i consumatori evitassero questi prodotti e che un numero maggiore di utenti si rivolgesse alle biciclette elettriche e, secondo i dati, il numero di utenti di scooter condivisi è in crescita (+27.05%).

    La diminuzione del numero di persone che viaggiano con gli e-scooter condivisi comporta non solo una contrazione dei ricavi per gli operatori, ma anche un aumento dell'onere finanziario perché devono ancora sostenere i costi di manutenzione giornaliera (manutenzione giornaliera dell'e-bike), quindi scelgono di richiamare i loro veicoli e di ridurre i lanci per alleggerire la pressione finanziaria.

    La spirale negativa degli scooter elettrici condivisi in Europa 2

    Le aziende abbandonano il mercato in massa

    Nel dicembre 2023 sono stati ritirati 500 scooter elettrici condivisi forniti dall'azienda americana Link a Torino.

    A Roma, 900 scooter circolano nel centro storico: le tre società che servono la capitale hanno solo 300 dispositivi ciascuna.

    È stata inoltre sospesa la gara d'appalto per l'affidamento del servizio di noleggio scooter da parte del Comune di Palermo.

    La spirale negativa degli scooter elettrici condivisi in Europa 4

    Bit Mobility ha informato il Comune della sua decisione di cessare l'attività prima della scadenza naturale del contratto (31 agosto 2024) e, a seguito di una consultazione, ha scelto di dimezzare il numero di e-scooter da offrire in noleggio a breve termine(noleggio bici elettriche vicino a me) dagli attuali 400 a 200.

    Nel 2023, non solo il numero di noleggi di scooter è diminuito, ma anche il numero di vendite è calato significativamente (-70%).

    La domanda di questi prodotti da parte dei consumatori sta cominciando a diminuire e, con le preoccupazioni per la sicurezza, gli investitori sono naturalmente più cauti nell'investire nell'espansione di questi veicoli.

    Con un numero sempre minore di utenti che utilizzano i servizi condivisi e un numero sempre minore di dispositivi disponibili, il mercato è bloccato in un circolo vizioso.

    La spirale negativa degli scooter elettrici condivisi in Europa 5

    I regolamenti limitano l'accesso degli utenti a

    I difetti dei prodotti stessi ne hanno causato il declino sul mercato, ma le normative governative hanno accelerato il declino del settore.

    L'anno scorso, il governo italiano ha annunciato l'adozione di nuove regole che vieterebbero l'uso dei monopattini elettrici nelle strade cittadine, nel tentativo di ridurre gli incidenti e di evitare che il loro posizionamento interferisca con l'uso dei marciapiedi.

    Le nuove norme del Consiglio dei Ministri prevedono inoltre che i motociclisti indossino il casco.i migliori caschi da bici) e avere un'assicurazione, mentre gli e-scooter devono avere una licenza.

    La spirale negativa degli scooter elettrici condivisi in Europa 3

    Le varie normative introdotte hanno innalzato il livello di utilizzo degli e-scooter condivisi e gli utenti si stanno rivolgendo ad altri mezzi di trasporto.

    Lo squilibrio tra le entrate e le uscite delle imprese è il motivo principale per cui gli scooter elettrici condivisi stanno gradualmente abbandonando il mercato.

    Per accelerare la penetrazione del mercato, molte aziende hanno effettuato ingenti investimenti in apparecchiature, infrastrutture e sistemi IT, ma i ritorni non hanno soddisfatto le aspettative. Un altro problema è che nessuno li usa più.

    Il numero di decessi legati agli scooter è aumentato drasticamente e lo scetticismo dei consumatori sulla sicurezza del prodotto ha portato a un calo della domanda, riducendo ulteriormente la popolarità di questo mezzo di trasporto, e un prodotto senza persone che lo utilizzano è solo un castello in aria, anche se il mercato è ampio.

    La spirale negativa degli scooter elettrici condivisi in Europa 6

    Cioccolato
    Cioccolato
    Salve, sono uno scrittore esperto di meccanica e un esperto di tecnologia per biciclette ed e-bike che apprezza le cose pratiche e ben progettate. E, naturalmente, amo andare in bicicletta.
    Messaggi correlati
    SAMEBIKE

    Il blog sulle biciclette elettriche di SAMEBIKE, dove troverete tutti gli articoli sui consigli per il ciclismo, oltre ad alcune recensioni e newsletter sulle biciclette elettriche.

    POSTI RECENTI

    PRODOTTI

    Collegamenti:
    Galleria video
    INVIA INCHIESTA
    Demo del modulo di contatto
    Scorri in alto

    RICHIEDI UN PREVENTIVO

    Il controllo completo sui prodotti ci permette di garantire ai nostri clienti prezzi e servizi della migliore qualità. Siamo orgogliosi di tutto ciò che facciamo.