E-bike super completa: tutto quello che c'è da sapere su

E-bike super completo: tutto quello che c'è da sapere su

Prima di tutto, che cos'è un bicicletta elettrica?

In realtà, ciò che viene comunemente chiamato e-bike in Cina si riferisce alle biciclette a pedalata assistita, originariamente nate in Giappone e successivamente sviluppatesi e cresciute in Europa.

In base alle normative UE, i prodotti correlati sono solitamente suddivisi in tre categorie principali: Pedelec, S-Pedelec e E-bike.

Indice dei contenuti
    Aggiungere un'intestazione per iniziare a generare l'indice.
    Pulsante YouTube

    Categorie di biciclette elettriche

    Pedelec

    Questo modello di bicicletta è solitamente utilizzato solo quando la persona pedala attivamente, il motore aiuterà il ciclista, quindi è anche chiamato una bicicletta elettrica semi-trainante, nota anche come e-bike nel senso comune dei ciclisti cinesi.

    Utilizzando diverse modalità di spinta, la pedalata assistita del Pedelec può soddisfare le esigenze specifiche di diversi utenti, solitamente suddivisi in marce in base alla forza della spinta.

    Esistono anche marchi che distinguono le marce in base agli scenari di applicazione, come strade pianeggianti, fuoristrada, salite e discese. Naturalmente, il grado di assistenza influisce sull'autonomia degli ausiliari del motore e sul consumo energetico della batteria.

    La potenza e il limite di velocità del Pedelec variano da Paese a Paese. Secondo le norme UE, i motori Pedelec non devono superare i 250W.

    Dopo aver raggiunto una velocità di 25 km/h, la sovralimentazione si spegne automaticamente; se si scende al di sotto di tale velocità, la sovralimentazione si riaccende automaticamente.

    Alcuni Pedelec dispongono anche di un sistema di assistenza alla spinta, che può essere attivato premendo un pulsante quando il ciclista sta spingendo; in questo modo la bicicletta si adeguerà alla velocità di marcia per avanzare, facilitando la spinta.Pedelec

    S-Pedelec

    S-Pedelec è un modello di Pedelec ad alta velocità, noto anche come bicicletta elettrica ad alta velocità. Funziona come il Pedelec. La differenza è che l'S-Pedelec ha una potenza e un limite di velocità maggiori.

    In Germania, quindi, l'S-Pedelec è stato classificato come motocicletta leggera ai sensi del codice della strada, per cui questo modello richiede l'assicurazione obbligatoria e un permesso di utilizzo.

    È inoltre necessario indossare un casco protettivo adeguato, installare catarifrangenti e non occupare la pista ciclabile.

    In determinate condizioni, il Pedelec può modificare il limite di velocità spazzolando il programma e diventare S-Pedelec. Naturalmente, la maggior parte delle modifiche private violerà le normative nazionali locali, quindi non correte il rischio.S-Pedelec

    Bicicletta elettrica

    E-bike è l'abbreviazione di bicicletta elettrica. La differenza principale rispetto a una bicicletta a pedalata assistita è che, anche senza pedali, il veicolo viene azionato dal motore.

    Alcune biciclette elettriche possono raggiungere una velocità massima di 45 km/h con l'acceleratore o l'avviamento a pulsante, quindi in Europa le biciclette elettriche appartengono alla categoria dei motocicli leggeri e potrebbe essere necessario acquistare un'assicurazione e una patente.

    In realtà, nel linguaggio quotidiano, l'espressione e-bike può essere usata anche per indicare i modelli Pedelec e S-Pedelec, e questo uso è particolarmente comune nel campo delle biciclette sportive. Nel corso del tempo, le caratteristiche originarie della bicicletta elettrica sono andate lentamente scomparendo, fino a diventare quella che oggi chiamiamo e-bike.SAMEBIKE E-BIKE

    Il principio di funzionamento del sistema e-bike

    Indipendentemente dalla marca del sistema e-bike, si tratta di convertire l'energia elettrica in energia cinetica e di applicarla al sistema di trasmissione della bicicletta per rendere la guida più facile e meno faticosa.

    E spesso diciamo che il sistema di energia elettrica, in sostanza, principalmente parti di e-bike contiene sensori, controllori e motori.

    Quando il sistema di alimentazione elettrica è in funzione, il sensore rileva la velocità, la frequenza di pedalata, la coppia e altri dati che vengono trasmessi al controller calcolando le istruzioni per controllare il funzionamento del motore.

    Vale la pena di ricordare che la maggior parte dei motori non agisce direttamente sulla trasmissione, la potenza in uscita del motore è ad alta velocità e bassa coppia.

    Deve passare attraverso il sistema di riduzione per amplificare la coppia, rendendo la velocità di uscita vicina alla frequenza di pedalata delle gambe umane (motore centrale) o alla velocità della ruota (motore al mozzo).

    Pertanto, per un motore mid-drive Nelle e-bike, l'albero di uscita della potenza del motore e l'albero della piastra dentata della bicicletta sono strutturalmente due alberi, collegati al centro da un meccanismo di riduzione della velocità.

    Il motore centrale può essere classificato in motore coassiale (detto anche motore ad albero concentrico) e motore ad albero parallelo in base alla differenza di posizione relativa dei due alberi.Il principio di funzionamento del sistema e-bikeLa struttura di trasmissione del motore centrale Shimano, il lato destro del pignone bianco, è collegato all'albero di uscita di potenza del motore, mentre il più a sinistra è collegato all'albero del disco, i due assi a sinistra e a destra in posizione parallela, il centro da una serie di ingranaggi di trasmissione collegati, quindi questa struttura del motore è chiamata motore ad albero parallelo.

    Il motore coassiale, come dice il nome, significa che l'albero della piastra dentata e l'albero di uscita della potenza del motore si trovano sullo stesso asse.

    Questi motori sono per lo più motori a rotore esterno, che utilizzano lo spazio tra l'anello interno e i lati della stazione motore per collocare il sistema di riduzione, per cui il motore coassiale ha un aspetto più piccolo e una struttura interna più compatta.

    Tuttavia, in uno spazio limitato, non è facile ottenere una riduzione a più stadi, tenendo conto anche della coppia, della dissipazione del calore e garantendo la concentricità dell'albero motore.

    Qual è il miglior motore centrale e la migliore ruota per e-bike?

    Gli attuali sistemi di motori ausiliari presenti sul mercato possono essere suddivisi in due tipologie: motore centrale e motore a mozzo.

    Per motore centrale si intende il motore il cui motore di azionamento è installato nella posizione a cinque vie del telaio (suddiviso in tipo nativo integrato e tipo esterno a cinque vie), che è collegato alla carrozzeria e trasmette la potenza attraverso una catena alle ruote posteriori.

    Un motore al mozzo è un motore con il motore di azionamento montato nella posizione del mozzo dell'auto, che agisce direttamente sulla ruota. Per i modelli sportivi, il motore centrale integrato è senza dubbio la scelta migliore.

    Innanzitutto, il sistema di trasmissione del motore è situato nel telaio a cinque vie, il che non influisce sul bilanciamento complessivo dei pesi della vettura; inoltre, per i modelli a sospensione integrale, il motore centrale riduce la massa del sottopancia, e il feedback dell'impatto posteriore è quindi più naturale e presenta un vantaggio intrinseco nella maneggevolezza in fuoristrada.

    In secondo luogo, la ruota è relativamente facile da sostituire. Se si tratta di un motore a mozzo, è difficile per i giocatori aggiornare la ruota da soli, mentre il motore centrale non esiste in questo caso, i giocatori possono acquistare il set di telai fai da te da soli, aumentando notevolmente la giocabilità.

    Allo stesso tempo, un cambio eccellente ed efficiente può anche ridurre le perdite di trasmissione, migliorando notevolmente l'autonomia.motore centrale vs motore al mozzoIn terzo luogo, durante la guida fuoristrada, il motore centrale subisce meno impatti rispetto al motore al mozzo, quindi è più favorevole in termini di protezione, riducendo così il rischio di danni al motore e diminuendo il tasso di guasti.

    Per i modelli non sportivi, la scelta del motore al mozzo non richiede una modifica sostanziale della struttura del telaio tradizionale e, grazie al costo contenuto, è più facilmente accettata dalla classe dei pendolari.

    Qual è la dimensione della piastra dentata della e-bike?

    Spesso gli appassionati di prodotti elettrici possono notare che la stessa e-bike a motore centrale, alcuni dischi sono grandi, alcuni dischi sono piccoli, questo è il motivo?

    In realtà, anche se alcuni motori sono abbinati a una piccola piastra di ingranaggi, la pedalata vera e propria non è lenta: il mistero è che all'interno del motore è presente un dispositivo meccanico di accelerazione. Utilizzare la velocità per compensare la coppia.

    In altre parole, il pedale della pedivella compie un giro, il disco in realtà compie due giri, quindi una dozzina di dischi a denti piccoli equivale a un effetto di pedalata di più di 30 denti.

    Utilizzando il numero di giri per compensare la coppia, da un lato si può ridurre il carico di tensione della catena, il che è particolarmente importante per l'uscita violenta di una e-bike.

    D'altra parte, l'alta velocità dell'albero della piastra dentata riduce la pressione del meccanismo di riduzione del motore in uno spazio limitato.

    Le dimensioni del meccanismo di riduzione, il carico di funzionamento e le dimensioni complessive del motore si riducono.Qual è la dimensione della piastra dentataTuttavia, tutto questo ha due risvolti: l'alta velocità intensificherà l'usura del disco del piccolo ingranaggio e sarà necessario lavorare sul materiale del disco; inoltre, il progettista deve risolvere il problema dell'interferenza tra la catena e la forcella inferiore posteriore quando il disco del piccolo ingranaggio viene agganciato allo stato del piccolo volano.

    Sensori per biciclette elettriche

    I sensori attualmente utilizzati sul mercato possono essere suddivisi in sensori di coppia, sensori di frequenza del pedale e sensori di velocità.

    I sensori di coppia sono utilizzati per misurare la leggera deformazione della superficie metallica dopo la forza di pedalata, in modo da ottenere valori di coppia di alta precisione.

    Come dice il nome, il sensore di frequenza del pedale serve a misurare la frequenza del pedale per determinare la necessità di assistenza.

    In pratica, più veloce è la frequenza di pedalata, più duro è l'aiuto, più lenta è la frequenza di pedalata, più debole è l'aiuto. Il sensore di velocità è lo stesso, ma questa impostazione non può ovviamente corrispondere alle esigenze reali.

    Ad esempio, quando si sale o si incontra vento contrario, la frequenza di pedalata e la velocità delle persone diventano più lente, mentre i motociclisti di default non hanno bisogno di molto aiuto.

    Pertanto, le biciclette elettriche che utilizzano sensori di frequenza/velocità di pedalata di solito includono la modalità elettrica pura.

    Sensori per biciclette elettricheTuttavia, anche questo si discosta in qualche modo dallo scopo originale dell'energia elettrica. Alcuni marchi lo chiamano anche sensore di velocità o sensore ad anello magnetico per nasconderlo al pubblico e migliorarne l'aspetto.

    Una e-bike affidabile di solito utilizza sensori di coppia, frequenza di pedalata e velocità sovrapposti per determinare lo stato di guida attuale attraverso un'elaborazione completa.

    Controllare il programma - la mano invisibile di Dio

    Lo stesso motore, la stessa e-bike, il produttore può farvi provare un'esperienza di guida molto diversa spazzolando il programma. Non è una questione metafisica.

    Come già detto, dopo aver monitorato la coppia, la velocità e i segnali di pedalata, il controllore passerà i segnali al controllore e quest'ultimo calcolerà il segnale di uscita per guidare il motore a produrre potenza.

    L'algoritmo del controllore è il cosiddetto programma di controllo.

    Alcuni marchi di e-bike aprono addirittura la porta di debug del programma sull'APP, consentendo ai giocatori di regolare liberamente la curva del booster.

    Sulla stessa moto, è possibile farla partire velocemente all'inizio, farla andare dolcemente a metà e accelerare furiosamente alla fine, oppure farla partire dolcemente, farla accelerare in modo sensibile a metà e limitarla dolcemente alla fine.

    Nell'attuale mondo digitale, quando la tecnologia hardware sarà sviluppata a un certo livello, il software diventerà la chiave della differenza decisiva nel motore.Controllare il programma la mano invisibile di Dio

    Potenza nominale del motore

    Di solito ci si riferisce alla potenza nominale del motore come alla potenza di uscita nominale del motore. In altre parole, nello stato ideale, il funzionamento normale a lungo termine della potenza massima in uscita, nota anche come "massimo utilizzo della potenza".

    Si noti che la potenza nominale del motore non è uguale alla potenza di picco.

    Molti motociclisti sono abituati a utilizzare la potenza nominale per misurare le prestazioni del motore, il che non è propriamente vero, perché coinvolge anche il design strutturale del motore, la tensione nominale, l'efficienza di conversione, la coppia di uscita e molti altri fattori, anche se la potenza nominale degli stessi due motori, ci sono esperienze di guida completamente diverse.

    In alcuni Paesi e regioni vigono norme obbligatorie sulla potenza nominale delle biciclette elettriche assistite.

    Ad esempio, lo standard dell'Unione Europea prevede che la potenza nominale non sia superiore a 250W, mentre in alcune parti degli Stati Uniti questo standard sarà mitigato a 750W; in Cina, il nuovo standard nazionale prevede che la potenza nominale dei veicoli elettrici e delle biciclette elettriche assistite non superi i 400W.Motore coassiale

    Capacità della batteria

    Molti sono abituati a usare i mA per esprimere la capacità della batteria, ma in senso stretto si tratta di un'espressione sbagliata.

    MA è l'unità di misura della corrente, mAh è l'unità di misura corretta della capacità della batteria, e alcune marche rigorose saranno anche contrassegnate con wh allo stesso tempo.

    Ad esempio, se la tensione della batteria è di 36V e la capacità è di 13,6Ah, se convertita in wh, è 13,6*36=489,6, cioè 489,6wh, circa pari a 0,5 Kwh, cioè mezzo grado di elettricità.

    All'interno del pacco batteria c'è qualcosa:

    Che si tratti di una batteria esterna o di una batteria nascosta nel telaio, la "batteria" che vediamo è in realtà solo il guscio del pacco batteria. Aperto il guscio, all'interno si trova una fitta disposizione di celle e BMS.

    Le e-bike attualmente in commercio utilizzano solitamente batterie al litio 18650, che hanno una lunga durata, un'elevata capacità per densità unitaria e prestazioni di lavoro stabili.Capacità della batteria della e-bikeSi noti che 18650 è il modello di cella specifica (diametro cella 18 mm, lunghezza 65 mm).

    Anche se lo stesso produttore produce diversi livelli di celle 18650, la capacità e la durata sono diverse, per non parlare del divario tra il marchio internazionale e l'officina nera.

    Se un marchio dice vagamente "Tesla con la stessa cella della batteria", i motociclisti dovrebbero tenere gli occhi aperti per saperne di più.

    Suggerimenti per migliorare l'autonomia delle batterie delle e-bike

    La resistenza è uno dei parametri più importanti per molti ciclisti al momento dell'acquisto di una e-bike. Infatti, a parità di potenza, l'utilizzo di alcuni accorgimenti per il risparmio energetico può migliorare efficacemente l'autonomia.

    Utilizzate le marce servoassistite con saggezza per mantenere un ritmo di guida stabile. Molti motociclisti amano inserire la marcia più feroce non appena salgono sulla moto, e tirano spesso durante le lunghe uscite, e questo tipo di operazione comporta indubbiamente un elevato consumo di energia.

    Se si vuole andare più lontano, mantenere un ritmo di pedalata uniforme e la giusta quantità di assistenza elettrica è il modo più efficiente di operare.Suggerimenti per migliorare la portata

    Non dimenticate il cambio meccanico. Molti ciclisti esperti commettono l'errore di ignorare il cambio meccanico dopo aver avuto l'alimentazione elettrica e di salire con un piccolo volano da 11T con alimentazione a 4 velocità.

    L'uso del cambio meccanico sulle lunghe salite può far risparmiare quasi la metà dell'elettricità, ridurre il carico e il calore del motore e ridurre i danni alle catene e ai dischi.

    Messaggi correlati
    SAMEBIKE

    Il blog sulle biciclette elettriche di SAMEBIKE, dove troverete tutti gli articoli sui consigli per il ciclismo, oltre ad alcune recensioni e newsletter sulle biciclette elettriche.

    POSTI RECENTI

    PRODOTTI

    Collegamenti:
    Galleria video
    INVIA INCHIESTA
    Demo del modulo di contatto
    Scorri in alto

    RICHIEDI UN PREVENTIVO

    Il controllo completo sui prodotti ci permette di garantire ai nostri clienti prezzi e servizi della migliore qualità. Siamo orgogliosi di tutto ciò che facciamo.